Cerca nel blog

mercoledì 28 dicembre 2011

Il virtuoso maestro

dall'impareggiabile inventiva e dal grande estro ha appena interpretato le prime frasi dell'introduzione alla Grande Opera, che ti arriva lei: la contagiosa sfiga dell'instabile pompettaro nano, lasciata libera di pascolare ovunque dal perfido proprietario, il decaduto despota Silvius Uno.

Esiste la peste suina, ma esiste anche la peste berluskina. Ahimè!




Nessun commento:

Posta un commento