Cerca nel blog

mercoledì 16 maggio 2012

Premiata società dei magnacciò

Chi non ricorda i sobri festeggiamenti per la sopravvenuta pace tra l'inossidabile fustigatore di costumi Umberto il Puro di Patanìa ed i trucidi, nonchè ladroni, politici romani?

Quella bocca avidamente aperta a ricevere un pur popolano rigatone doveva farci capire che quel censore delle altrui nefandezze, forse (ihihih), puzzava un poco poco.

Ei fu.



Nessun commento:

Posta un commento