Cerca nel blog

giovedì 1 novembre 2012

Prima voodoo, poi padre nobile

Una volta il Padre Nobile di una iniziativa politica veniva accuratamente scelto post mortem e previa rimozione di eventuali scheletri dagli armadi, dopodiché ci si poteva sbizzarrire ad interpretare a proprio piacimento, rivoltandoli come pedalini, i principii fondanti delle sue idee e spacciarle come garanzia della propria proposta politica.

I tempi sono cambiati, l'aspettativa di vita si è noiosamente allungata mentre l'evoluzione della politica si è messa a correre freneticamente, giustificata dal fuoco della crisi che lambisce ormai le sue chiappe e anche i dintorni.

Che fare?

Idea! E se anticipassimo a subito il processo di beatificazione dei padri rincoglioniti e rompicoglioni spostandoli dalla cabina di comando e collocandoli accanto ad una loro lapide in attesa che lui si accomodi sotto di questa?

Detto e fatto, riscontrato il successo del primo esperimento fatto con il padre nobile (rotfl) Bossi de' Trotis, si è avviata la beatificazione di Berlusconi e Di Pietro.

C'est la vie.



Nessun commento:

Posta un commento