Cerca nel blog

mercoledì 31 luglio 2013

Leghisti e neuroni: incomprensione assoluta

Mentre restiamo in annoiata attesa di vedere come, per l'ennesima volta, la furba biscia di Arcore riuscirà a scappare alla giusta cattura, diamo un'occhiata a cosa sta succedendo nel melanconico mondo delle osterie patane.



giovedì 25 luglio 2013

Ercole e le stalle di Silvio

Al discendente di Ercole, tale Grillercole, è stato richiesto dagli Dei di compiere almeno una delle dodici fatiche per cui il suo avo è divenuto famoso per l'eternità, quella di pulire le stalle del Palazzo di Silvio, deviandoci sopra almeno due fiumi, il Tevere ed il Po.

Venuto a conoscenza della cosa, re Silvio mandò a chiamare Grillercole.

Cosa si dissero, cosa non si dissero, ma le stalle sono ancora colme di letame e Grillercole ha libero accesso al Palazzo.

Cose mitologiche, da non prendere sul serio.









Cose strane a Palazzo

Dicono che osservando attentamente Calderoli lo si trova leggermente cambiato.

Nessuno però sa essere preciso in cosa sia differente da prima... è come una sensazione, una intuizione che ancora non trova conferma.



mercoledì 24 luglio 2013

Avari spendaccioni

Spendaccioni con i soldi nostri (aerei di Stato, pranzi in lussuone residenze di Stato, eccetera), ma spilorci quando devono pagare (o, meglio, non pagare) di tasca loro.

Guardate questi tre tipi immortalati in una infima trattoria alla periferia di Mosca arredata con panche in legno nascoste con finte pelli di orso in acrilico rigorosamente acquistate da un vucumprà, tovagliette di carta, olio e aceto in bottigliette, posate in plastica, tovaglioli di carta e macinapepe che manco in autogrill.

Disgustosa assenza di escort pagate di tasca loro.

E poi quando si presentano a noi fanno tanto gli sboroni.

Che schifo!



martedì 23 luglio 2013

Silvio demens, il nonno ormai svampito.

Povero silvio, si crede ancora il furbo dominatore di milioni di teledipendenti ma, come in ogni storia umana, è arrivato all'età in cui è indotto a credere solo alle persone più vicine a causa della drastica ed ineluttabile morìa di neuroni ed al manifestarsi degli effetti di vizi, stravizi e tare che l'età non può più nascondere.

A questo punto cosa succede nelle normali famiglie? Succede che gli aspiranti eredi si agitano freneticamente e crudelmente per ottenere quanto del loro congiunto gli può essere più utile.

I soldi sono già stati ripartiti, ma rimangono ancora succulenti bottini da sgraffignare, tipo il potere politico ed il bungabunga.

A cosa poteva mirare l'ex bonazza dalle frementi labbra sempre spalancate? Il bungabunga per lei è una religione, ma quale banale esibizione di volgarità sessuale!

Lei lo interpreta così.



Laggiù nell'arsa brughiera di Arcore...

...un inutilmente giovanile gradasso si muove fra le sterpaglie declamando proclami che manco l'ebete casaleggio riuscirebbe ad inventare.  Fà caldo, non ci sono baretti in giro ed il minuscolo personaggio ormai assetato si sfoga con l'ancor più minuscolo cagnetto che porta sempre con se appeso ad un guinzaglio degno di un pittbull; gli dà un calcio e gli urla "angelino, smettila di pisciare ad ogni arbusto, kribbio!",

Sfogatosi, riprende il penoso percorso ululando a riempendo di calci nel sottocoda il rassegnato cagnolino.

In lontananza una sirena in arrivo segnala l'imminente intervento di alcuni robusti infermieri..

E' questa una estate senza allegria.



Tragica metamorfosi, l'Italia sgomenta e impietrita

Ennesimo, forse definitivo, colpo agli apparati genitali degli italiani bianchi, rossi e rosé.

Sembrava impossibile e invece...



domenica 21 luglio 2013

Epifani, andiamo a "vedere"

Dovrebbe essere finita l'epoca del "grillo è solo una buffonata", "berlusconi in fondo è responsabile" e "la politica è l'arte del compromesso", visto dove ci hanno condotto i risultati elettorali di questo atteggiamento pacioso ma irresponsabile e quanto sia tenuto in considerazione l'arte del compromesso, per non parlare del presunto senso di responsabilità del nano.

Ora sta uscendo fuori il casaleggio, look da demente fuori dal tempo e pensieri ancorati al mein kampft, che con la disinvoltura dei pazzi convinti di essere dei geni afferma:

-alle ultime elezioni abbiamo rinunciato a vincere con il 40%;
-andremo al governo da soli:
-fra pohi mesi in Italia ci sarà la rivolta;
-il potere lo dà internet.

Pensa  te che io ero convinto che la democrazia fosse sempre una cosa che nasce dal basso e che non potesse essere imposta né con i bombardieri né con le sparate di comici, di spiritati o di delinquenti, e invece ti arriva bello bello, cacchio cacchio, un buffone che si mette ad agitare il manganello della violenza e ti fa ricordare che il basso siamo noi e che spetta a noi rimettere le cose a posto, democraticamente, perchè lassù dove si puote stanno parlando la lingua dell'infausto Aventino di fascista memoria.

Perciò, caro segretario Epifani, imponi l'approvazione di questa minkia di nuova legge elettorale e andiamo a "vedere" se questa gente usa il bluff per continuare a mettercela lì.

L'Europa capirà ed è più che probabile che rinunci al suo suicidio.

William, se non ce la fai, lascia il posto a Bersani o a Renzi e rendi più agibili le iscrizioni al PD.







Il mistero di Palazzo Grazioli

Un orrido destino sembra incombere sugli allegri frequentatori del losco palazzo romano: all'uscita trovano sempre un avviso di garanzia.

Ma pronto e sincero è l'alibi presentato dagli ultimi indagati per aver  «mentito, negando, contrariamente al vero, che Silvio Berlusconi avesse corrisposto a donne compensi in cambio di prestazioni sessuali».

sabato 20 luglio 2013

Ci volevano Casaleggio ed uno scrittore di fantascienza...

...per trovare il bandolo della matassa del casino post elettorale italiano.

La soluzione? La più banale, quella sotto gli occhi di tutti: PD e PdL non riescono a governare? Ci vanno loro, da soli, cioé lui ed il tricheco genovese.

Link di andremo-governo-soli





Letta non è debole, solo che è educato...

E siamo costretti anche ad assistere ad un puerile tentativo di nascondere la propria oggettiva debolezza (non caratteriale ma politica) subito dopo aver accettato che no, alfano non sapeva nulla di quanto succedesse al ministero degli Interni perché troppo impegnato altrove, dichiarazione che fà il bis con quella in  cui il Parlamento decise che la Ruby dalle irrequiete cosce a pagamento fosse realmente la nipotina prediletta di Mubarak.

E adesso?  Abbiate fiducia in me, chiede il buon Enrico, evidentemente fiducioso negli accordi presi con il politicamente sordido berlusconi.

Intanto tre dei propri ex migliori amici il nano iettatore li ha già spediti al gabbio: non ti suona nessun campanellino in testa, Enrico?

Quello trascina gli altri nella merda, ma lui sa sempre come pararsi le chiappe.




venerdì 19 luglio 2013

Festa grande all'hotel San Vittore, nel cuore della Milano da bere

Un urlo proveniente dal settore donne interrompe il sonno del giusto dei tantissimi carcerati, è un urlo di gioia e di speranza: sta per arrivare LUI.

Tutti esultanono, c'è chi prepara un seggiolone con le gambe più alte, c'è chi si procura cuscini per spessorare le normali panche in dotazione, c'è chi organizza una improvvisata orchestrina con pentolini bicchieri e cucchiai... e c'è chi rabbrivisce di paura.

Si, c'è chi ha le chiappe ancora roventi, grazie al LUI.






Il cinismo paga sempre?

Assistiamo in questi giorni all'ennesima riedizione del lupo e dell'agnello, con un lupo ormai spelacchiato e dai denti cariati ma sempre armato di cintura esplosiva con cui minaccia il volonteroso e paziente agnello.

Quanto durerà ancora?






giovedì 18 luglio 2013

AAAAA... impiego precario offresi

I metodi arroganti e tesi esclusivamente al salvataggio del loro padrone... pardon, leader... (no, non il segretario... quell'altro, l'amico di Putin) da parte del pdl è, agli occhi dei simpatizzanti PD, la cosa più difficile da digerire

Avere ancora davanti agli occhi due tizi come cicchitto e gasparri che sbraitano ultimatum ad un PD acquiescente è un insulto alla loro dignità di elettori

Il discorso del Presidente Napolitano sull'ineluttabilità di quanto sta succedendo può in qualche modo rassegnare la coscienza di alcuni, ma la voglia di cambiamento, quella non la si sopisce se non con un vero cambiamento.

Nel frattempo si sta per leggere questo manifesto, in qualche stradina d'Italia.

:-)



Storie di ordinaria follia nel PD

Mi dispiace per il PD in cui avevo riposto tutta la mia simpatia durante la gestione Bersani che lo raccolse sconfitto e a pezzi, tentò di democratizzarlo nella sostanza e non nella sola apparenza, che vinse le elezioni anche se non tanto per governare e per questo, come da antica logica curiale, fu pugnalato a favore dello scivoloso epifanio, una specie di curato preso da una sconosciuta e lontana parrocchia e portato a far numero nella segreteria.

C'è il Renzi che, a suo modo, tenta di portare avanti il PD nella emancipazione da partito escluso, succube e timoroso a partito vincente, partito della gente prima che dell'apparato interno.

La lotta è dura, ma... FORZA MATTEO!

ps
Perchè non fate un referendum fra gli iscritti ed i simpatizzanti per sapere cosa ne pensiamo di questa merda di alleanza con un pluri condannato e pluri sputtanato?
Gli salverete il cagnolino angelino? Ce ne ricorderemo.




mercoledì 17 luglio 2013

Lassù sulle montagnee... hic!

C'è dell'arcano e dell'insano nei motivi per cui un Parlamento maggiorenne e non interdetto (certo che ci sarebbe da discutere su certi suoi componenti) abbia in passato deciso che si, il satiro pompettato di Arcore non sapeva che la Ruby dalle irrequiete cosce non fosse la nipote di Mubarak ed in un imminente futuro decreterà che l'Angiolino ministro degli Interni non sapeva nulla di quello che alcuni suoi alti funzionari decidevano nel suo ufficio, davanti alla sua scrivania.

Ma l'Italia è il Paese dove la Madonne piangono, scilipoti è ancora parlamentare, grillo è ancora lì, il pompetta condiziona ancora il governo e dove basta avere redditi da sogno per non pagare le imposte... cacchio pretendiamo?






Certo che anche el siùr Pompetta, a modo suo, ha dei dispiaceri

Anche per i tycoons ci sono giornate così così.



Ma la colpa è di Angelino?

Oppure c'è sotto lo zampino del nostro geniale e collaudato creatore di figure di merda internazionali, meglio noto con lo pseudonimo di monsieur "Bungabunga Pompettà"?

Vista che la funzione di bicchiere raccatta-soldi gli è particolarmente congeniale, è proprio così sbagliato pensare che dietro a questa ennesima figura da legaiolo appioppata alla nostra Italia ci siano sempre i suoi corrotti e corruttori interessi?

Allontaniamolo dalla marmellata, tanto lui non cambia.



martedì 16 luglio 2013

Politici Gay omofobi, vi ricordate quella lista?

Mi immagino cosa sia successo tra i due vecchi amici che si stimano e si rispettano ma che non rinunciano allo sfottò



lunedì 15 luglio 2013

Angelino il kazako

Povero Alfano, con un  datore di lavoro tipo il berluska vive una vita precaria, una vita in prestito praticamente, una vita che il nano malefico può riprendersi come e quando vuole.

Ora la sua vita da ministro dell'interno sta forse per scadere, visto che il probabile incontro segreto tra mister pompetta e il mussolini kazaco in quel di Puntaldìa a pochi km da villa Certosa non ispira ottimismo sul suo futuro di vittima eccellente.



domenica 14 luglio 2013

Forza Italia 2.00, istruzioni per l'uso

Sono identiche sia per gli uomini che per le donne.

Saremo ancora governati da quadrupedi?





Grillo si vanta

Grillo si vanta di essere il nuovo della politica italiana ma in realtà è il più stravisto fra i tanti personaggi che hanno calcato la scena del teatro "Palazzo Chigi - oggi avanspettacolo".

Un incrocio fra il cavalier benito, il cinghialone craxi ed Alvaro Vitali, che si finge cosciente verginella ma si comporta come la più vecchia delle tenutarie.

Oggi è la volta di una velenosa battuta sul povero Renzi che, resosi conto che in Italia è stato ben intrappolato in una camicia senza maniche e solo lacci, va in giro per l'Europa e anche oltre alla ricerca di un Oudinì che gli dia qualche consiglio per liberarsene.

Guardate cosa sta succedendo mentre noi rinunciamo alle vacanze nostro malgrado.






Perché la ministra Kyenge turba così tanto il calderoli?

Ma perché l'orango è il principe azzurro dei suoi sogni erotici, è chiaro.

In fondo anche questo è amore.






sabato 13 luglio 2013

Nostalgia di quando potevano ciò che volevano...

... e credevano che fosse un gioco che sarebbe durato per sempre i poveri legaioli miracolati dalla suicida ma mirabolante incapacità di governo di mister pompetta.

Ora eccoli lì, rinchiusi in una riserva sempre più angusta e precaria, che si azzannano per la conquista di un tocco di pane e sognano di quando il bungabunga era la religione ufficiale di Stato e loro, devotamente, obbedivano inginocchiati con le braghe abbassate.

Amen, ite missa est.






Anonima telefonisti

C'è gente che passa tutto il tempo attaccata al telefono, nè più e nè meno come fanno gli alcolisti con una bottiglia, ma non sono telefonisti di mestiere e lo fanno per soddisfare i loro stravaganti hobbies: stalker, corruttori, ricattatori, traditori, solitari.

Fra di loro si sono poi formate delle specializzazioni, tipo quelli che telefonano solo alle questure e solo quando si tratta di donne.

Sono degli infelici e prima o poi pagano per il loro rischioso vizietto.




questa vignetta è frutto di fantasia cazzeggiatrice

venerdì 12 luglio 2013

30 luglio, giorno in cui un comico diventerà un Santo protettore

Del PD in primis, seguito a ruota dal governo Letta e, last but not least, del M5S.

Finirà quindi tutto in gloria?

E chi si azzarda a fare previsioni.



giovedì 11 luglio 2013

Silvio richiama gli ambasciatori da Roma: è guerra!

Si, perché di ambasciatori a Roma ne aveva mandati a iosa ed ora, mestamente, questi derelitti (ex ministre in primis) si ritrovano a tornare a casa con la scalcinata panda con cui erano arrivati a Roma, bengodi della politica internazionale.

Dovranno reintrupparsi con i miseri cittadini che avevano abbandonato quando, nell'estasi di un bungabunga o nell'afflato di una corruzione, avevano giurato eterna prostrazione a 90 ° al loro signore e padrone.

Si, poi c'è la storia di forzaitalia 2.00, ma quella serve solo a far vedere ancor più nero il loro futuro.

Che bello!



mercoledì 10 luglio 2013

Bungabunga al Senato?

Hanno incominciato i senatori grillini con un goffo striptease alla Grillo tricheco che non aveva fatto voltare neanche Giovanardi, ma subito dopo, con un equivoco automatismo, sono apparse le tante parlamentari passate per le cene eleganti di Arcore ed, infine, altèra sui suoi 70 kg di silicone made in China, l'orizzontalissima daniela santanché.

Intuite le sue intenzioni, un boato è esploso in tutto il Parlamento.



Beppe al Quirinale

Non sarà l'hotel a 5 stelle di Cala di Volpe, ma anche il Quirinale. nel suo piccolo, la sua discreta figura la fà.

"Si ma sbrighiamoci" ha esordito il ragioniere ligure nel dare la mano al Presidente Napolitano, "ho ancora due giorni pagati a Porto Cervo e non li voglio perdere.

L'Italia intera è in ansiosa attesa di conoscere l'esito di questo incontro che  è ancora in corso.



Leggende estive

Come sempre in estate giornali e telegiornali, causa scarsita di notizie e di personale, ricorrono alle solite leggende metropolitane tanto per riempire gli spazi, quanto per tentare di tenere svegli i lettori o telespettatori.

E una rincorsa a chi pubblica per primo l'esplosiva balla estiva.






martedì 9 luglio 2013

Lampedusa, un Uomo ed un ominicchio

Niente da fare per il cicchitto demens, decenni e decenni di suddittanza a craxi ed a berlusconi lo hanno ormai distrutto (ma non è che alla partenza fosse molto meglio, solo più giovane) e si è azzardato a criticare un Capo di Stato straniero, nonché capo della più importante Chiesa occidentale, ritenendolo inadatto a fare commenti sull'immigrazione clandestina.

Non mi viene più niente da dire.





Ognuno ha i suoi fantasmi, quelli di Silvio hanno le tette.

Né più mai rivedremo sghignazzante
quel tristo nano che tanto piacque a tanti.

(ad Arcore - Ugo Foscolo jr)






lunedì 8 luglio 2013

Interdizione & internamento

L'interdizione dai pubblici uffici e l'internamento in quel di Sanvittore, se gustati insieme, sono un cosa pesante, anche per un pompettato recidivo, ma nella versione light (interdizione senza reclusione) potrebbe essere l'occasione di toglirci dai co...piedi questo assillante generatore di guai e di brutte figure che si nasconde sotto le sembianze di un anziano nanetto (non Brunetta, quell'altro).

Speremo, ciò.



domenica 7 luglio 2013

Ma come si fà a prendere sul serio Brunetta?

D'altronde, poverino, corre continuamente il rischio di essere scambiato per un cihuahua petulante e di ricevere infastiditi calcetti ad altezza coda per essere allontanato.

Bisogna capirlo, guardate cosa ha risposto ad un cugino di Fluck.



Lo Smemorato di Bologna dimenticato da tutti

Prigioniero dei suoi ricodi che si sono traumaticamente bloccati un lunedì sera, giorno di scutinio elettorale, Pierferdinando Casini si aggira con la solita espressione ebete fra i banchi di Montecitorio pietendo una risposta alla sua ossessionante domanda: che minkia è successo?

Non è vero che al Palazzo siano tutti caimani, esiste anche lì un minimo di pietà e generalmente abbassano gli occhi e tirano oltre e quando qualcuno accenna a dargli la giusta risposta, allora è Pierfy a girare di culo e passare oltre.



sabato 6 luglio 2013

Un marxista sul trono di Pietro?

Grande Papa Francesco, nella sua nobile semplicità, con sole quattro parole ha distrutto il fortino inattaccabile dal quale per 70 anni la DC e suoi derivati ha comandato su noi cittadini italiani.

In pratica ha detto che della politica e della bioetica è giusto che si interessino gli italiani in quanto cittadini, al loro spirito ed alla loro fede ci penserà la Chiesa, che finalmente si può e si deve scrivere con la "C" maiuscola.

Purtroppo, con questa scelta, si è perso l'arcangelo giovanardi, il più moderato dei berlusconidi.






Renzi e il fuoco amico

Povero Matteo, si dimena per non sparire soffocato dall'abile regia dell'apparato PD, ogni tanto sbatte le alucce e si alza sopra la nebbia, ma subito il sibilare di un pallettone amico lo avverte che è ora di tornare a volare basso.

Come andrà a finire?

Quasi quasi divento animalista politico, animalista tout court lo sono da sempe.









venerdì 5 luglio 2013

E' morto un re (non ancora, tranquilli)

Quando, in un lontano futuro, anche le pompette più inossidabili termineranno l'odissea terrena, indovinate chi regnerà nella goduriosa terra di "forza italia 2.0"?

E' già stato testamentato.

Sssst, lo sappiamo solo noi, non divulgate.



Brunetta il martire

Povero Brunetta, non passa giorno che sul mini calimero del Palazzo non inciampi un qualche carnefice in cerca di vittime: oggi ne ha subìti due, il Fondo Monetario Internazionale ed il disinteresse del suo Dio in terra, tale silvio, calimero capo in quel di Arcore.

Così è la vita...



Meno male che Draghi c'è

La BCE sembra l'unica istituzione europea capace di affrontare l'attuale crisi senza i lacci e lacciuoli che impediscono alle politiche locali dei vari Paesi di operare in armonia.

Nel frattempo, in Italia, c'è chi si appassiona a queste cose,



giovedì 4 luglio 2013

Boldrini Marchionne 1-0

Fa piacere vedere il nefasto marchionne, uomo abituato a trattare la classe politica italiana con la supponenza dell'arricchito verso chi agogna di diventare almeno un parvenu, trattato a pesci in faccia... pardon, ad aragoste in faccia, da uno dei poteri istituzionali che ci governano.

Quest'uomo che con false promesse mai mantenute è riuscito a togliere ai lavoratori i loro meccanismi di difesa meriterebbe di peggio, ma già così incomincia ad andare meglio.

Grazie presidente Boldrini.



Golpe egiziano, diffidato Berlusconi

Ma quest'uomo non cessa mai di farci fare possibili figure di merda all'estero.



martedì 2 luglio 2013

Sessualità di certi liguri genovesi

Si sa che con l'età la libido tende a diminuire, anche negli psicopatici portatori di pompetta peniena, ma si sa anche che i vecchi mafiosi dicevano "meglio comandare che fottere".

Questa è la deduttiva soluzione applicata dal ridicolo comico genovese, mentre l'esodo dal M5S continua con moderata costanza.



Vicepresidenza delle mie brame...

Camomilla Santanchè non si smentisce mai e anche questa volta, con la pacatezza ed il senso  della misura che la contraddistinguono, afferma: o mi eleggete vicepresidente della Camera o salta il Governo.

Da quando da convinta verticalista si è convertita all'orizzontalismo berlusconiano, la brava Daniela si è trasformata in un incrocio tra Grimilde e Giovanna d'Arco... un vero barboncino da passeggio.



lunedì 1 luglio 2013

Spionaggio... incredibile!

Che strano che si pratichi ancora quell'antica usanza paleolitica quando un qualsiasi gnok andava di nascosto a vedere nella caverna vicina quale fosse il calibro della clava del nemico gnuk, per decidere se allontanarsi per non farsi strappare la sua nuova sposina, eppure è così, accidentaccio!

Cosa sono andati a scoprire gli astuti sudditi di Babbion II°?   Che gli USA spiano i Paesi UE.

Tra poco arriveranno gli USA a lamentarsi che i Paesi UE spiano gli USA e a prova di questo porteranno una sfilza di collegamenti a siti porno USA frequentati dagli spioni europei.

Siamo in estate, pensiamo al mare, và.



Fratelli coltelli

C'é un infame fratello alla Caino e alla Romolo che infesta la nostra Italia stanca e sfiduciata: si chiama Silvio B. ed ha la fortuna di avere un sacco di fratelli che si diverte ad ammazzare uno alla volta.

Così, come Caino uccise Abele e Romolo uccise Remo, il Silvio B si è divertito ad ammazzare Pierferdinando C, Gianfranco F, Mario M e adesso sta adochiando il mite Enrico L.

Enrico fà finta di niente, ma un leggero nervosismo, espresso da un tic, appare sempre più spesso su suo bel volto da frate trappista.

Mangerà il panettone?