Cerca nel blog

martedì 3 settembre 2013

Matteo, con tendenza al capocomico...

Matteo, tra te e silvio non si sa chi tenga di più la scena in questi grigi giorni: lui nel suo imbarazzante rabbioso terrore e tu nell'altrettanto imbarazzante euforia.

Stai spopolando nel nostro PD, si parla solo di te e delle tue battute, raccogli consensi semi plebiscitari, sembri in corsa contro il tempo... ma quale tempo?
Quello che ti separa dalla sospirata elezione a segretario? Quello che ti allontana sempre di più dallo scranno di Letta? O quello che ti sta inesorabilmente riportando alle tue reali dimensioni.

Sei un buon amministratore, Matteo, ma per le tue ambizioni ci vuole ben altro.

E poi ricordati che il PD viene da lontano, come si diceva una volta, e porta con sè delle tradizioni alle quali non può rinunciare senza perdere alcune sue caratteristiche quali la compostezza, la preparazione politica dei suoi dirigenti, il pragmatismo e, posso dirlo? una certa signorilità che il nostro presidente Napolitano continua a rappresentare.

Cuperlo e Bersani dicono, fra l'altro, anche le cose che dici tu, ma si vede da lontano che hanno una storia diversa dalla tua.

Comunque, auguri.






Nessun commento:

Posta un commento