Cerca nel blog

lunedì 2 dicembre 2013

Fa freddo e davanti al caminetto è bello sognare

Quel cialtrone di Fluck sdraiato ai miei piedi, l'orecchio da coker che gli copre un occhio, mugola e agita la sua coda mozza (ormai se ne è andato ma per me è sempre qui, accanto a me) ed io riesco a captare il suo agitato sogno.

Minkia, anche nei beati prati celesti dove salgono i cagnetti perbene lui non riesce a pensare ad altro che alla dozzinale politica italiana. 

Il suo nervoso movimento di mezza coda sta ad indicare lo sdegno per quanti in questo momento che precede una possibilità di uscita dalla crisi e che vede imminente la presidenza della UE di un italiano, come italiano è il presidente della BCE, che potrebbero iniziare sia la revisione degli inceppati meccanismi dell'euro che la trasformazione della BCE in vera banca dell'UE, si mettono a fare gli esagitati perché hanno paura di perdere il loro treno personale verso un immeritato successo.


Eccovelo il paranoico sogno del mio amato Fluckino.






Nessun commento:

Posta un commento