Cerca nel blog

venerdì 28 febbraio 2014

Anche i ricchi tycoon piangono... e fanno piangere

Si legge nel web "Sandro Bondi ha fatto recapitare ai parlamentari una lettera per sollecitare per il pagamento delle quote mensili da versare al partito, che in tanti non devolvono da mesi, se non da anni. Scatteranno seri provvedimenti per chi non saldi il proprio debito, visto che c’è chi ha accumulato fino a 50 mila euro di debito e molti devono ancora versare al partito con i 25 mila dovuti all’atto dell’elezione."

link all'articolo

 

giovedì 27 febbraio 2014

Concerto di trombe e campane

Oggi tutti i giornali e telegiornali parlano ampiamente del malinteso tra il sindaco di Roma ed il toscano presidente del Consiglio in merito al decreto "salvaroma".

Sembra che il dialogo intercorso tra i due sia stato questo.

Pier Capponi, condottiero fiorentino, ha fatto scuola






La coesione del Beppaccio

Parla di coesione il comico, proprio mentre lo psicopdramma parlamentare dei 5 stelle esplode con pianti, licenziamenti, dimissioni e vaffanculo in andata e ritorno.

"Dobbiamo vincere le elezioni europee e adesso che siamo coesi nessuno ci può fermare" è il sunto dell'ultima battutaccia del ragioniere al pesto.

Un'altra data storica ci sta per capitare tra capo e collo?

Forse, molto forse.



mercoledì 26 febbraio 2014

Poteva scegliere tra essere un dio o un saltimbanco

...le ha tentate tutte due e ne è uscito un ragioniere pirla.

Quando l'occasione è toccata al berluska ne è uscito un evasore puttaniere.

Adesso tocca a Matteo... che Dio, quello di Papa Francesco, ce la mandi buona.





PD è bella gioventù, ma ci sono anche gli anziani saggi

Essere giovani ed ambiziosi è nella natura delle cose.

Anche guardare a dove si mettono i piedi è cosa utile e che diventa consuetudine diventando saggi.

Forza Matteo, sguardo lungo e chiappe strette!



martedì 25 febbraio 2014

Roba da 7° cavalleggeri

Niente squilli di tromba, salvo alcune scoreggine firmate 5 stelle, ma l'ingresso di Matteo, novello Jesus Christ Superstar, nelle case degli italiani durante la fiducia parlamentare ha sortito l'effetto di una hollywoodiana carica del vetusto 7° cavalleggeri: fine dello stress da ansia, euforia per il lieto fine ed esaltazione nel vedere la sempre affascinante carica di giovani cavalieri con sciabole sguainate.

Questo è arrivato al grande pubblico, ma nei più oscuri anfratti della politica si sono manifestate sensazioni diverse e prive di entusiasmo, quali la consapevolezza di essere ormai fuori gioco, oppure il dubbio di essere stati fraudolentemente inchiappettati o anche il timore che in questo parapiglia qualcuno ne approfitti per sfilare il solido vecchio bancomat a qualche ingenua debuttante di scuola partenopea.

Solo un vecchio baldraccone, l'ineffabile Silviaccio, reduce da mille battaglie ma mai passato sotto le forche caudine, sta in un angolo, sornione, a degustare un drink.

Sarà vera gloria?
Non lo sapeva il poeta, figuratevi se mi azzardo io. 








lunedì 24 febbraio 2014

Il bungabunghismo è sempre in agguato

Cambia il governo, ma per la bella gente della corte di s.m. silvio primero, tutto procede come prima.

"Fronduti a Berlusconi: "La mia cagnolina vuol conoscere Dudù..."  
La Nazione - ed Umbria



sabato 22 febbraio 2014

In tutto il rituale ambaradam di ieri

... l'unica cosa che mi ha colpito è stato l'euforico zompettio di schifani che dispensava pacche e buffetti ai suoi soci.

Abituato al suo funereo cipiglio, mi sono documentato e ho scoperto che...



Emma non c'è, è andata via...

Nell'inesorabile destino dei politici, ottimi o pessimi che siano, pesa la consistenza del partito a cui il politico si appoggia e, all'interno del partito, il rilievo che il politico riveste.

Emma Bonino, piccola grande donna, ha avuto la sfiga di innamorarsi del partito radicale di proprietà di quel Giacinto P., reo di aver messo in circolazione politici come cicciolina, vito, capezzone e rutelli, tanto per dire.



venerdì 21 febbraio 2014

La nuova politica è incerta, ma quella vecchia è collaudata

Stesso giorno, oggi, due notizie: una riguarda il nuovo corso della politica con l'accettazione da parte di Renzi dell'incarico a formare il nuovo governo (riunione ancora in corso)



-l'altra notizia invece è una ennesima conferma dell'andazzo della vecchia politica, con l'iscrizione nel registro degli indagati dei celeberrimi alemanno e polverini.



Amore nella palude

Si, anche fra rospi, caimani e bisce e nel fetore che sa emanare una certa politica bacata può nascere l'amore.

E, purtroppo, anche la gelosia.



giovedì 20 febbraio 2014

Idiota si,idiota no... la terra dei cachi

Con la specifica 'utile' o 'inutile' che sia, l'epiteto 'idiota' svolazza allegramente nei cieli di destra e di sinistra.

Nulla di stupefacente, direbbe il vecchio Pannella, ma rimane un dubbio: sarà mica che l'unico esentato sia sempre il solito, eterno marpione?

Non trovo risposte, quindi: boh?!




Quando lo sproloquio ha una faccia

A volte ci sono parole che lì per lì non sapreste spiegare dettagliatamente, pur avendone chiaro in mente il significato.

Sarebbe bello poter mostrare una immagine significativa che le spieghi con immediatezza.

Se vi capita di usare termini quali sproloquio, starnazzare, demenza, follia, farneticamento, furia, furore, esaltazione, fanatismo o simili, siate sicuri di avere a disposizione una foto del nostromo del bastimento 5 stelle: vi faciliterà la vita.


mercoledì 19 febbraio 2014

Il teatrino del "Nò"

Il "Nò" è una antica forma teatrale giapponese particolarmente colta e quindi fuori dalla portata di un certo ragioniere sovrappeso.

Se poi questo ragioniere è anche ligure e fa il cabarettista, l'unica cosa che riesce a capire è che quel "no" lo può spacciare per qualcosa di colto.

Povero beppone, oggi hai recitato la parte più penosa di tutta la tua carriera, te ne stavi lì, attaccato alla convinzione di recitare un qualcosa che tu non capivi, ma convinto che gli altri avrebbero capito ed esponendoti così alla sadica pietà di chiunque ti ascoltasse.

Ed il crudele Renzi, da brigante toscanaccio qual'è, ti dava corda per farti impiccare.

E ora penzoli mestamente, spinto da qualche spiffero di maestrale, appeso ad un nodoso ramo dell'albero del bischero.

Lo hai voluto tu.




Se ingoiare un rospo è dura, figuratevi un boa! Vero, beppaccio?

Il web, questo mondo frequentato da sognatori e da cialtroni, da arrivisti e da ingenui, sembra rifiutare di avere padroni supponenti alla casaleggio & socio ed ha spietatamente imposto al grasso comico genovese di fare la sua brava passeggiatina a Canossa.

Che la cosa porti a qualche utilità per l'Italia è incerto, ma l'ex comico sta diventando sempre di più involontariamente comico, e questa è la giusta nemesi per un barzellettiere con l'ambizione di diventare un maitre à penser.

Bye bye beppe.


martedì 18 febbraio 2014

Mestruazioni, nuovi orizzonti?

Un orribile dubbio sta facendo capolino fra i fautori della gioventù a tutti costi, sono infatti di due giovani importanti le due più strambe affermazioni pubbliche di questi ultimi giorni.

La prima è del miracolato john da Torino e riguarda i giovani disoccupati italiani i quali, secondo il suo illuminato pensiero, sarebbero senza lavoro per il semplice motivo che non lo cercano.

La seconda riguarda il Matteo da Pontassieve che ritiene le riforme economiche ed istituzionali assimilabili all'età fertile femminile: una al mese, se tutto va bene. 

Matteo, usa le dovute precauzioni altrimenti corriamo il rischio di stare fermi per altri nove mesi.

Ma che minkia abbiamo combinato noi italiani nel recente passato per meritare tanta sofferenza?

Ancora con l'insipienza di Pilato?






lunedì 17 febbraio 2014

Gasparri, una macchietta senza tempo

Sicuramente il grande Totò lo avrebbe utilizzato in qualche suo sketch: mica è facile trovare un pirla naturale che non deve recitare per esprimere una credibile maschera da ebete, e non è solo la mimica a rendere particolare questo personaggio, anche lo spessore intellettuale ne testimonia l'unicità.

Questo preambolo per introdurre la notizia odierna: gasparri rinviato a giudizio per essersi fregato e, una volta scoperto, restituito un malloppo da 600.000 euro.

Viene da chiedersi: se per una normale assicurazione sulla vita si è preso quella cifra, quanto ci saranno costate le sue case?

Meglio tapparsi occhi ed orecchie, almeno quelli, ché certi opercoli sono più difficili da difendere.



domenica 16 febbraio 2014

Inutili vampiri succhiasangue cretini

Un resuscitato Angelino che con veemenza rivendica al suo gruppo la volontà di creare finalmente quella destra liberaldemocratica che il berlusconismo ha massacrato nei suoi vent'anni di attività, ha animato la giornata politica di ieri.

E' stato uno spettacolo a suo modo entusiasmante il vedere il furente Angelino spezzare definitivamente le catene ideologiche e finanziarie che imbrigliavano la sua volontà di rinnovamento della destra, mentre è apparso persino noioso il Silvio che si ostina a rimanere abbracciato all'unica e malsana creatura che è riuscito finora a partorire, il berlusconismo.

Per il NCD dovrebbero essere scomparse le paure dello sbarramento alle elezioni.

Nel frattempo fra gli inutili vampiri idioti è nata improvvisa l'urgente necessità di smarcarsi dal Silviaccio e già si notano primi puerili tentativi, ma sicuramente nel prossimo futuro si vedranno cose ancor più divertenti.






Imponente manifestazione di appoggio a "mutanda verde"

Torino in fermento questa mattina, traffico bloccato fino a Barriera Orbassano, nugoli di elicotteri in volo, Papa Francesco collegato in diretta: mai si erano viste tante mutande verdi sfilare per la citta simbolo del legaiolismo 'intimo per uomo'.

Poteva mancare il solito napoletano che, approfittando del tetro spettacolo, con qualche battuta ed un sorriso a 64 denti rimorchiava, anzi "si fumava", la Zazà di turno?

Sconcerto nell'organizzazione, di rigido rito legaiol-piemontese con ascendenza terrona.





venerdì 14 febbraio 2014

Anonymous Enry

E' rientrato nel gruppone degli Anonymous praticanti questo giovin signore che, sembra, abbia addirittura per quasi un anno guidato un intero popolo a giracchiare nei paludosi giardini dell' antica e onorata terra d'Italia.

Sono cadùchi i destini degli anonymous ed effimere le loro gesta, per cui ci si ricorda meglio una scia di lumaca che la sferragliante anonimità di un celebre anonymous.

Vorrei riferirvi il nome di questo ex famoso vip, ma non me lo ricordo... anzi, ricordo una sola mezza frase da lui biascicata mentre usciva da un bellissimo palazzo: '...bischero di un fiorentino, attento alle spalle da oggi in poi...'

Mah.





Silvio elude la sorveglianza

...e, indesiderato ospite, si presenta al Presidente Napolitano.

Il resto è cronaca.



mercoledì 12 febbraio 2014

Martiri legaioli, Cota magister vitae

Robertùn, vocina sgraziata, avvocato penalista, 5 di QI e noto al mondo intero per la sua collezione di mutande verdi si lamenta per la decisione del Consiglio di Stato di confermare la convocazione le elezioni regionali in Piemonte.

Non gli riesce di capire che se uno ha fregato in partenza non deve poi lamentarsi quando arriva la punizione, così come non dovrebbe inventarsi strane giustificazioni pur di non parlare della sua colpa originale.

Ma è un legaiolo e questo spiega molte cose.




lunedì 10 febbraio 2014

Sindrome da caruggi malfamati

C'è gente che vivendo a Genova in via del Campo o via Pré ne assimila la diffidenza primordiale verso tutto ciò che è "normale", visto che la normalità è considerata la causa della loro precarietà e che questa sindrome si insinuasse nella mente di gente provata dalla vita sembra una cosa normale, ma che allignasse fecondo anche nel vuoto cranico di un grasso e ricco ragionere è una cosa abbastanza strampalata.

Ma tant'è, finche il comico ragioniere cavalcherà il ronzino dello sfascismo e della protesta perché gli sembra fico protestare, dovremo sopportare questa mania del complotto a tutti i costi.

Chissà se è più disgraziato il grassone o noi che lo dobbiamo sopportare.




Salvini, l'unico sfigato che porta sfiga

...della serie "se non sono così non li vogliamo" e d'altronde dopo l'umbertùn con annesso trota e dopo il tastierista melanconico poteva mancare il teschio inutile per mancanza di qualcosa da proteggere?

Leganord non si fa mancar niente pur di essere la Diva delle bettole.




domenica 9 febbraio 2014

La prima pitonessa... roba da credenti, mica pirlate

Già nell'Eden iniziarono le prime incomprensioni tra uomo e donna e siccome tra i due contendenti il pitone gode... eccoci ad oggi.



Angelino si interroga e risponde: booh!

In questo spinoso momento politico il buon Angelino si interroga su sé stesso.

Come possiamo pretendere una sua risposta, povero pulcino circondato da volpi e faine?



sabato 8 febbraio 2014

Preferenze, scelta trendy per i VIP

Le elezioni politiche aleggiano sul nostro sfigato Paese, ma per i VIP sono solo una occasione per sfoggiare le loro consistenze economiche.



venerdì 7 febbraio 2014

Silvio filosofeggia e spiega il 'quid'

Nella vita partiamo tutti uguali noi uomini, ma è poi il destino cinico, baro e paraculo a togliere a tanti quel quid iniziale la cui presenza o meno determinerà poi chi sarà il maschio dominante e chi quello succube, afferma il pensatore d'Arcore.

Chiedetevi il perché i vitelli all'inizio sono tutti uguali ma poi una crudele operazioncina ne trasforma tanti in manzi da bistecche, lasciando che siano pochi a diventare tori, continua il noto filosofo, e chiedetevi anche perché questa operazione viene effettuata solo dopo il matrimonio o unione con una donna.

Un brusio incominciò a montare fra gli astanti indignati per tanta misantropia dichiarata, ma poi una vocina femminile chiara ed educata chiese "ma ti fanno così tanto male gli alimenti che passi alla Veronica?" e allora tutto fu chiaro ed una risata sommerse l'incauto allevatore di oche olgettine.





Facciamo una colletta per la Danielona?

Povera danielona, deve vendere un po'  di "billionaire" al suo paesano briatore, nik "tribula".

Anche la santanché sta tribolando, a quanto pare.

 Daniela vende




giovedì 6 febbraio 2014

Gasparri gasparri, ancora con il dito nel naso...?

L'aria nuova che sta tentando di disintossicare politica ed istituzioni trova impreparati gli incalliti  frequentatori dei fumosi e malsani covi berlusconiani, poco avvezzi a respirare aria priva di inquinanti.

A certuni addirittura fa venire il mal di testa.



Senza sesso matrimonio intollerabile

Lo dice la Cassazione, mica Grillo,

Senza sesso bye bye



mercoledì 5 febbraio 2014

Scacco al fantino

Vi ricordate lo sconvolgimento di gonadi televisivo che l'enfant, di statura, veneziano eternamente incacchiato contro l'universo intero, silvio escluso, ci regalò con la storia della  par condicio nelle trasmissioni "che tempo che fa" e "1/2 ora"?

Obbligò l'Agicom ad accusare i due conduttori, Fazio ed Annunziata, di mancato rispetto delle disposizioni riguardanti la par condicio e lui, tronfio, continuò per giorni e giorni ad imperversare gongolante dagli schermi e a mettere ancor più sotto stress le pregiate ghiandole.

Bene, il Tar ha ricordato che la par condicio si applica solo durante le campagne elettorali e solo nelle trasmissioni prettamente politiche e che quindi le accuse del nanetto erano solo pèt de lapin (scoreggine di coniglio, ma in francese sembrano cosine graziose).

Ci è rimasto male, poverino.



Chi è il più fascio del reame?

"Sono io", cinguetta il comico grassone.

"Ma va' a dà via i ciapp, barbùn, tel chi el pedigrì de noaltri!" (per i non legaioli: "allontanati, incapiente, guarda il nostro albero genealogico e vatti a nascondere")






martedì 4 febbraio 2014

L'elegante e pacifica destra de noantri

Parte l'obeso ragioniere ligure con le sue oscenità e, per non perdere la battuta, risponde all'istante lo scemo del villaggio patano con le sue minacciose sparate da osteria malfrequentata.

Terzo incomodo il rancoroso e sfigato padre di trota.

Così, dolcemente, la destra de noantri cerca di convincerti della intrinseca bontà della violenza: ci riuscirà?

Non scherziamo, accà nisciuno è fesso, dice il saggio Dudù.



lunedì 3 febbraio 2014

Grillo è uno stalker, statene lontani

Le vicende di questi giorni riguardanti i ripugnanti insulti alla Presidente Laura Boldrini ed alle parlamentari del PD sono sotto gli occhi di tutti: c'è da chiedersi con quale faccia il comico dei caruggi si presenti ancora in pubblico e facendosi pagare, per giunta.
Ah già, è un comico da avanspettacolo, e tutto diventa più chiaro.

Per fortuna che sono ottimista e che so che il popolo italiano è troppo saggio per farsi trascinare da un energumeno incolto e rozzo come lo stalker che sta inquinando Montecitorio.



Corruzione in Italia... apperò!

60 miliardi all'anno ci costa la disonestà in Italia: solo un po' meno malandrini e potremmo stare meglio dei tedeschi.

Belli i tempi in cui la corruzione la si combatteva davvero e gli aerei erano sempre pieni.
Lotta alla corruzione



Afrosicul rhythm? Sempre ballerino resti, Angelino.

Ed il vecchio pifferaio resta lì, con il suo istinto da faina in eterno agguato dei pirla spaesati appena restano senza padrone.

Beccato casini, sono subito corsi a farsi beccare anche quelli del NCD, Alfano in testa.

Eppure fino a ieri sera si parlava di nuova destra liberale in alternativa al fascio-mafioso berlusconismo...

alfano segue casini 

Vai Renzi, vai e occhio alle chiappe.



sabato 1 febbraio 2014

E poi era Roma la ladrona...

...come se il piemonte legaiolo fosse un angelo con le mutande verdi.

vitalizi-in-piemonte-cota-sbotta-e-urla
Il Fatto Quotidiano



Su consiglio di Cuffaro?

L'incredibile Pierferdy, astuto stratega, ha pesantemente pensato ad una abile e rassicurante mossa per non perdere quanto il suo presunto partitino finora gli ha regalato e, ci credereste?, ha deciso di tornare in Forza Italia.

Subdola e un po' malsana la risposta del silvio.