Cerca nel blog

giovedì 9 ottobre 2014

La disfida di Jobs act

Spavaldo come sempre, il sorprendente Matteo ha sistemato ruvidamente anche la questione del iobs act, lasciando tutti gli altri, maggioranza dissidente ed opposizione, basiti, ripiegati su sè stessi dall'atroce dolore inferto dalla sua pacata logica.

E' la prima volta che si vede, in Italia almeno, la forza tranquilla della democrazia che non ha bisogno di attingere al berciume dell'arroganza o del despotismo, né tantomeno all'invenzione di pericoli esterni per portare in porto un suo disegno di benessere comune.

Se riusciamo ad andare avanti così, l'Europa dovrà cambiare insieme con noi.






Nessun commento:

Posta un commento