Cerca nel blog

mercoledì 15 ottobre 2014

Totò, Peppino ed il povero salvini a Mosca

Nella terra di Stakanov anche un gerarca legaiolo può trovare la dignità di un  lavoro onesto e decoroso.

Al colmo della sua crisi mistica di estrazione leninista-marxista-stalinista, il povero salvini sembra aver raggiunto finalmente il suo shangri lla: un semaforo sulla piazza Rossa.

Va bene così, compagno legaiolo... e ricordati che la vodka è più forte del barbera, regolati.


Nessun commento:

Posta un commento