Cerca nel blog

martedì 31 marzo 2015

Ingombranti e costosi soprammobili politici

Nei supermercati si trovano soprammobili divertenti anche per poche decine di euro, ma che si debbano spendere così tanti soldi per due oggetti di cattivo gusto come i due finti politici salvini e grillo è una cosa che grida "che schifo!"


lunedì 30 marzo 2015

'Concordia', un nome garanzia di sfiga

Su tanti giornali d'oggi si parla della Coop Concordia il cui ufficio acquisti sembra fosse molto sensibile alle esigenze di Massimo D'Alema 

Massimì, da elettore non credo che tu ti sia fatto la villa alle Bermuda e uno yacht da 200 metri con quei quattro libri e quelle 2000 bottiglie vendute alla coop Concordia, ma i tempi sono questi e se il ministro Lupi per una chiacchiera su un orologio ha dovuto dimettersi, anche tu ti sei messo in una condizione critica.

Tu e Lupi non siete la "piovra", ma solo dei soldatini che devono prendersi le colpe di orridi orchi che ancora non conosciamo.

Auguri, sappiamo che sei un combattente, vai!


E' primavera: gli ormoni esplodono, ma i neuroni no

Primaverile scampagnata sbarazzina di alcuni nostri attori del fantasioso teatrino politico italiano.

Lasciamoli giocare, almeno non faranno danni.



domenica 29 marzo 2015

Silviè, e sta bbono... 'o conosci er coccolone?

Che giornate ragazzi: fra Landini che fa l'apologia del berlusconismo, il vecchio padelliere dell'ospizio di Cesano Boscone che rispolvera il mondo olgettino e dintorni in cerca di nuovi improbabili personaggi politici, salvini al pirlùn il cui neurone pazzo si è chiuso in cabina di pilotaggio e non promette nulla di buono e beppegrillo (si, quello che una volta faceva il comico) che ormai si esibisce davanti ad ogni singolo videocitofono per tentare un briciolo di attenzione, c'è davvero da deprimersi.

Ma poi vediamo che l'Italia riprende il suo virtuoso cammino ed il malumore ci passa in un istante.



Landini e l'apologia del berlusconismo.

Gracile, nonostante la sua massa corporea, l'ambizioso e confusionario sindacalista ha forse smarrito la giusta strada.

Ma non é il solo, anzi.

Renzi, che non sente il morboso bisogno di essere simpatico a tutti, sta tirando dritto nel suo programma di ripresa economica e di eliminazione delle dannose croste che le istituzioni avevano accumulato per scarsa onestà di tanti partiti e della burocrazia e anche per il conservatorismo sindacale, provocando il panico nella destra in toto ed anche nell'estrema sinistra.

Così si è arrivati a questo:


sabato 28 marzo 2015

E bravi i krukketti perfettini perfettini

Il re tedesco è nudo ed ha il culo "inchiavabile" (cit) di frau Merkel.

Non vi è bastato che il presidente della Lufthansa abbia presuntuosamente affermato che i loro piloti sono i migliori del mondo, non vi è bastato dimostrare che la vostra perfezione è solo una nostra convinzione sbagliata, non vi basta aver permesso ad un pazzo di impossessarvi di un vostro aereo, ma adesso viene fuori che quel pilota aveva anche difetti alla vista, praticamente un mr. Magoo.

Aspettiamo che tra poco venga appurato che aveva anche una coda e due corna.

Scendete giù, al nostro dignitoso livello e non vantatevi più di una vostra presunta superiorità. :-)

Onde evitare pernacchie, solo per questo, cari amici di sempre.



venerdì 27 marzo 2015

Beppe la jena

Neanche una tragedia come quella del volo Germawings riesce a frenare la diarrea orale, il termine logorrea è riservato alle persone con il tic di parlare in continuità, ma non va bene per il belìn che usa la bocca anche per defecare.

Che dire?


Ruby ter: bonifici «sistematici» da Berlusconi a dieci nuove ragazze

Questo è quanto pubblica oggi il Corsera.

Silvio ci tiene però a precisare che...





giovedì 26 marzo 2015

L'autobus volante della Santanché


Non è tanto la Danielona nostra che ci meraviglia, ché sappiamo bene che ha siliconato anche i suoi restanti neuroni i quali, ritrovandosi con due tettone e due chiappe, utilizzano le sinapsi per loro esigenze private (e anche un po' sconce), ma il vissutissimo nanetto che si ostina a tenersi stretti la suddetta oca, il velenoso brunetta ed il diamantino scilipoti a scapito dello scalpitante ma razionale Fitto.

Ma così gira il mondo da quelle parti.


mercoledì 25 marzo 2015

Salvini scoop: "ecco la mia Patania"

Complimenti e buon appetito, onorevole salvini 'al pirlùn' matteo.



Silvié, sei un loro 'utilizzatore finale', le donne lo sanno

Il nanetto, in pieno marasma senil-politico, confonde ormai la politica con la pompetta, le olgettine con le donne  normali ed il mondo con la sua tavernetta da lap dance.

Ecco perché gli succedono certe cose.

"Un poker rosa di vice per il coordinatore, sentito dai giudici di Brindisi come imputato" (cit Repubblica)





martedì 24 marzo 2015

Buone nuove per silvietto

Non tutti giorni incombe la nebbia su villa sanmartino di Arcore, ogni tanto un tiepido raggio di sole riesce e vincere la bruma e riscaldare il cuore pompettato dell'ex amatore globale.

Ma la gioia é condivisa?



La Logica legaiola mette Renzi con le spalle al muro

 Di salvini matteo (segretario della leganord, per chi non si interessasse di volontariato pro minus habens) si potrà dire di tutto, che sia incolto, trasandato e insulso, ma non che manchi di una sua  ferrea e trascinante logica: immaginate quanti giovani mariti e compagni raccoglieranno il suo ultimo attacco al governo Renzi!



lunedì 23 marzo 2015

Salvini ed i piedi tornasole

Per essere ammesso al suo 'cerchio magico'  bisogna dimostrare di essere legaioli doc, e lui sa dove guardare.






Marine le Pen, l'ennesima vittima dei due sfigati italiani

Non doveva finire così, figlia di una benestante famiglia francese con il padre politico di lunga esperienza e la madre stuzzicosamente vendicativa, aveva davanti a sè una stuzzicosa e brillante carriera politica: poi lo sciagurato incontro con due gigolò della politica italiana.

Ora, dopo l'impossibile mancata vittoria alle elezioni amministrative, sta meditando la sua uscita definitiva dalla politica e da questa vita ormai contagiata dalla jella italiana.

Marine, ripensaci, se qui da noi abbiamo una Marina B. che non ci pensa proprio di andarsene perché dovresti farlo tu: in fondo anche le cozze simpatiche hanno un futuro.


domenica 22 marzo 2015

Silvio e la roulette russa

A' silvié, visto che c'hai ancora tutte le olgettine in libro paga, prenditi libro, malloppo e Brunetta e vattene ai Caraibi.

Quando la pompetta si metterà a funzionare premi il pulsante "gnocca" e ti divertirai.

Quando ti verrà la malinconia della politica premi il pulsante "giullare" e arriverà il tuo nanetto che declamerà uno dei suoi esilaranti discorsi politici:  la malinconia passerà alla terza parola, quindi un calcio in qlo allo gnomo e via con l'altro pulsante.

Cosa ci stai a fare in questa Italia che ormai si vergogna di te e che è pronta a regalarti una pistola per roulette russa.








D'Alé, c'hai la barca e c'hai 'na vigna... proprio er werstling?

Ma la pensione te la vuoi godere come tutti gli altri della tua età o intendi seguire le orme di silvio? Guarda che lui, per fare i cacchi suoi, il partito se lo è comprato, tu no.

Dimentica la guerra nei Balcani, dimentica la penosa carica dei 101 e goditi la barca ed il vino della tua vigna.

Praticamente... non rompere i coglioni a chi "fà", perché non è in pericolo la democrazia del PD che, peraltro,  è ben vigilata da gente come Cuperlo e Bersani.

Tranquillo Massimì.











sabato 21 marzo 2015

Apri gli occhi, Massimì: "quella" guerra é finita!

Così, a naso, da ometto della strada penso che questo casino che stiamo vivendo possa essere mitigato solo se tutti i governi adotteranno un sistema democratico in cui la solidarietà sociale non sia solo uno slogan elettorale.

La Finanza, quella che provoca convenienti (per lei) crisi mondiali e successive esose e sanguinose restaurazioni è ormai troppo forte per essere ridimensionata per decreto legge.

La sinistra deve essere sinonimo di democrazia globale, non di nostalgia di irripetibili avventure.

Però c'é chi la pensa diversamente.

Vedremo.






venerdì 20 marzo 2015

E Beppegrillo che fine ha fatto?

Come? C'è un recente flash?

Leggiamolo, va!





Come faremo senza Lupi?

Si vabbé restano il nano, la danielona, salvini, beppegrillo e tanti altri ispiratori di vignette, ma questo aveva una aspetto serioso che gli altri non possiedono e che mi costringeva a contorsioni cerebrali per trovargli un che di ridicolo.

Torna presto Lupi, la sfida al difficile mi eccita :-))



Quando i coniglietti diventano lepracci da combattimento e gli allevatori restano i soliti pirla.

Succede in questa primavera magica che alcuni coniglietti  rifiutino il loro destino costituito da una casseruola e diventino miracolosamente degli energici e determinati leprotti da combattimento.

E' capitato a Tosi della lega nord, sta subendo identica metamorfosi Fitto di FI.

E' risaputo che la primavera è la più bella stagione dell'anno, quella in cui sbocciano nuove passioni.



giovedì 19 marzo 2015

Intercettazioni, quali sono quelle buone?

Un paio di settimane fa' il pirlissimo segretario di lega nord e dintorni ha affermato, incazzatissimo, che le intercettazioni fatte sul berluska gli facevano letteralmente schifo.

In questi giorni sono emerse intercettazioni imbarazzanti su Lupi, ma il rodomonte legiaiolo non ha aperto bocca, muto come un'olgettina davanti alla domanda "quanto ti ha pagato il nano per stare zitta?".

Ecco l'unica risposta che siamo riusciti ad estirpare dal vuoto pneumatico del cranio del salvini.



Lupi, il Rolex e la morbosa simpatia

Chissà perché la gente pensa sempre al male quando si rapporta con un politico... e se invece fosse solo un tenero impulso amoroso?


mercoledì 18 marzo 2015

Al Pirlùn il diplomatico

Prima nega agli omosessuali il diritto al matrimonio e all'adozione, ma quando gli dicono che nel Veneto ce ne sono più di quanti appaiano, anche nella liga veneta, ti combina una delle sue solite genialate: indossa quei laccetti colorati diventati il simbolo contro la omofobia nello sport e si pavoneggia davanti a telecamere, macchine fotografiche e citofoni.

E c'é chi lo vota.

Capite perché in 30 anni di esistenza la lega nord non ha portato a casa alcun successo?

Zero di zero, né il federalismo, né la secessione, solo gli effimeri ministeri a Monza... e il Trota.


 





"Meno Berlino, più Atene"

E così a Francoforte c'è stato un notevole casino terminato con l'arresto di 350 'blockupity' (versione teutonica dei centri sociali?) in occasione dell'inaugurazione della nuova sede della BCE durante la quale, peraltro, Draghi ha ribadito la necessità di una Europa più solidale.

Significativo lo slogan della manifestazione: meno Berlino più Atene.

L' Angelona de noantri europei non era contenta.



martedì 17 marzo 2015

Straziante lettera del nano al suo harem, però nessuno si dispera...

Anche in giornate pesanti per la politica come quelle attuali si può trovare un motivo per un sorriso, melanconico si, ma pur sempre un sorriso.

Leggete la lettera che il prode mister pompetta ha inviato alle sue amate olgettine.

Leggere qui 

E c'è chi si ostina a credere alla sua inesistente sincerità.





lunedì 16 marzo 2015

Vladimì, ma te c'hai er risvejo problematico!

Come mai sei cosi esagitato che mandi la flotta russa in allerta nel Mare del Nord?

Qualcosa è andato storto nel trasferimento dei tuoi soldini dalla Svizzera?

Aò, non te la prendere con noi vè!




Roma nun fa' la stupida...

Da sempre a Roma, parlando di Ministeri, si dice "i ministri passano, ma i capoccia restano", e su questa atavica convinzione hanno contato i veri padroni dei Ministeri che hanno sempre condizionato il successo o l'insuccesso di un ministro.

Sembra che questa nuova Italia si svoglia sbarazzare dei rimasugli di uno Stato papalino nascosto in uno Stato repubblicano.


domenica 15 marzo 2015

Maurì, e nun ce complicà la vita

"Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale" (Costituzione Italiana)

Tutto il resto è pastrocchio finalizato alla sottopolitica.




Che schifo la politica, ma io mi faccio un partitino.

Per pudore lo chiameranno 'movimento', iniziativa o altro, ma quello é: é un partitino con diritto a rimborsi elettorali, fondi per l'editoria ed almeno un paio di poltrone in Parlamento quello che caparbiamente sognano prima o poi alcuni di quelli che sono stati graziati da un paio di passaggi in qualche talk show politico che li ha drogati illudendoli di aver raggiunto rispetto ed autorità su noi normali, ma scafati, cittadini.

Emilio Fede, Montezemolo, Ingroia, tanto per citarne qualcuno, sono quelli di maggior insuccesso.

Adesso una nuova vecchissima leva si fa avanti, facciamo i necessari scongiuri.






sabato 14 marzo 2015

Sventola bandiera gialla sul ponte di Bassano: ahi ahi ahi...

E cosi il protozoo verde battezzato Al Pirlùn è riuscito dove neanche le stramberie senili dell'umbertùn avevano sfondato..

Adesso abbiamo una nuova formazione politica che dal verde intenso è passata ad un seminuovo giallo brillante tipo logo pentastellato.

Il glorioso rosso non interessa nessuno, forse perché è troppo impegnativo, troppo sentimentale per dei rozzi polticanti alla grillo e salvini.

Eppure quest'ultimo dovrebbe ricordarsene bene.

Maggio sta ancora lì e noi abbiamo tutto il tempo per godere della trascinante epopea salviniana.


venerdì 13 marzo 2015

Salvì, almeno silvio le portava giovani e gnocche, ma te me pari un barbùn!

Sfavillante sala dei ricevimenti del fastoso Ospizio di Cesano Boscone, festa di addio al sùbito dimenticato Silvio Pompetta Esausta, è presente la miglior società meneghina e anche quella parigina.

Poteva mancare Al Pirlùn, l'ossessionante oggetto televisivo presenzialista che ormai appare anche tra una nube ed un scoscio su tutte le previsioni meterologiche trasmesse in Italia?

No, c'era.

Silvio, per mancanza di olgettine, tutte in vacanza ai Caraibi a sue spese, ha rifiutato l'invito, ma c'é chi, per raccattare un voto, non disdegna di farsi vedere anche con una pantagruelica tardona francese e sue avvinazzate amiche.

Si, c'é tanta tristezza nella sbandata destra italiana.





Gianni Cuperlo il saggio.

L'avviso di pericolo che l'ottimo Cuperlo ha lanciato è reale e da lassù re Enrico approva.

Che fare?

La via giusta verrà sicuramente trovata.



giovedì 12 marzo 2015

Al Pirlùn "gnam gnam"

Terrificante il Kaliffo al Pirlùn, terrificante e spietato.

Guardate come riduce i suoi avversari interni alla propria famiglia.

Altri si lamentano per molto, ma molto di meno.




mercoledì 11 marzo 2015

Ave Ruby, madre di... ?

Miracoloso berluska: dove passa lui avvengono miracoli: Toti che fa il politico, brunetta che fa il pivot, la santanché che rifiuta il silicone e la Ruby che non ha mai smesso di essere vergine.

E' stata aperta la prevendita per la visita alla tomba dell'angelico nano ma dopo 30 minuti è stata chiusa perché le prenotazioni coprivano ormai tutto il 2075.

Italia, dolce paese di Santi, di Olgettine, di Evasori e di forza italia.





E bravo Matteo Barabba!

Colpevole, come i vari bossi borghezio e calderoli, dello scempio operato dal governo dei nani e quindi condannabile insieme al loro capo berluska, il funambolico salvini è riuscito a togliersi in tempo la maschera del Barabba ed infilarsi quella del giustiziere.

Il suo nome, al momento, diventa così tovarich Barabba al Pirlùn, in attesa che venga nominato anche cav.

Solo allora il cerchio sarà chiuso.





martedì 10 marzo 2015

Al Pirlùn, alias Ponzio Salvini

Tenebroso clima da medio oriente in fiamme quello di via Bellerio, sede della lega nord.

Torme di briganti tagliagole imperversano per i pochi ufficietti rimasti alla ricerca dell'infedele Flavius Tosi su cui pende inesorabile la fatwa  del crudele Al Pirlùn, travestitosi per l'occasione in Ponzio Salvini, cugino di matteo (quello scemo, no Renzi).

Prevedibile martirio.


Gracchia il cornacchione casaleggio

Gracchia ed intima a Renzi di accettare le loro proposte oppure, continua il cornacchione, in Italia arriva il nazismo,

"Ci siamo prima noi!" si premura di avvertire il suo irsuto compare .





lunedì 9 marzo 2015

Salvini l'asburgico

In questi giorni si verrà a capo della tenzone Tosi-zaia per la corsa alla presidenza del Veneto.

L'esito appare improntato all'asburgico pugno di ferro del tragico al Pirlùn, ormai ubriacato da quel nome (Matteo) che condivide con un vero politico che gli sta facendo troppa ombra.

Non ha idee il matteo 'minor' e può fare solo la voce grossa, ma anche quella potrebbe non bastare se, oltre che le idee, scarseggia anche il carattere.

Assistiamo con malcelata noia a questa ennesima buffonata by via Bellerio.


domenica 8 marzo 2015

La destra unita vincerà? Per adesso movalà...

Il nanetto neo diplomato padelliere nell'ospizio di Cesano boscone sta da giorni urlacchiando che lui e solo lui è in grado di unire tutta la destra italiana, moderata ed estrema, per la sicura vittoria sul quel cattivone di Matteo renzi, reo di fare il suo mestiere di presidente del Consiglio.

Sarà vero?  Boh!


sabato 7 marzo 2015

Venezia, Tosi e tu... che non vuoi andartene

Tristi queste idi di marzo per al Pirlùn: minacciosi uccelli del malaugurio volteggiano su Venezia, la capitale di quello che nelle strambe intenzioni della lega nord dovrebbe diventare la "Repubblica Veneta".

Al pirlùn cerca di minimizzare il pericolo di un grosso ed ingombrante padulo che incombe sulla presunta marcia trionfale di Zaia verso ìl mantenimento del govermariato della regione Veneto, ma il padulo c'é e volteggia minaccioso alle spalle del sempre più melanconico Zaia.


venerdì 6 marzo 2015

Cosa sta succedendo nella testa di salvini?

Questa l'ho  sentita poco fa su RaiNews dalla roca voce del leader al Pirlùn (lega nord).

Devo dire che la sua espressione appariva vagamente mortificata (calo degli zuccheri? gnocca rifiutata? boh...)



giovedì 5 marzo 2015

Salvini é come il cane di Mustafà...

...quello che ce l'aveva in c..o e diceva de scopà.

Volgare, ma rende l'idea.

Figlio di troika


Implacabile grilletto

Sempre pronto a sparare un 'no' dopo aver fatto credere in un 'si', il malconcio finto politico genovese che si arrampica sugli specchi pur di millantare ai i suoi seguaci proprie insesistenti doti politiche.

Anche oggi si esibisce in un "si, ma intendevo no".

Allah abbia pietà del ragioniere ligure, ché il Padreterno de noantri si è rotto i coglioni anche lui.



mercoledì 4 marzo 2015

Grillo ha forse capito come funziona la politica, quella vera.

Che la destra fosse entrata in coma lo si era capito il giorno in cui lo spavaldo lombrico verde si era autoinvestito leader del centrodestra ricevevendo un affannato "si, si.. che bello!" da parte dell'addetto alle padelle dell'ospizio di Cesano Boscone, tale silvio, in arte "imputato pagatore di olgettine".

Lo ha capito anche lo sconfitto reduce della guerra del "NO! e del Vaffanc...", quel beppaccio dei caruggi esperto di ciurme corsare e del loro caratteraccio.

Infatti l'ex comico ha ufficialmente ripudiato le "piazze" ed il vangelo del "vaffan.." ed è corso dal presidente della Repubblica per chiedergli di intervenire su Matteo Renzi affinché gli concedesse una resa onorevole.

Nel frattempo il salvini, furbo come un lombrico da esca, si era impossessato delle armi ormai spuntate del grillo rompino (vedi piazza del popolo e Renzi Renzi vaffanc...) per la felicità del M5S che intravvede uno spiraglio per la sua sopravvivenza nella collaborazione esterna con il governo attuale.

Vedremo cosa succederà.






martedì 3 marzo 2015

Lega Nord... transessuale o bisex?

Sempre più torbida la politica del salvinik, eroe di due o tre mondi malamente olezzanti,

Più di 20 anni fa' due o tre valligiani appartenenti alla sinistra ed all'estrema sinistra, durante una elettrizzante sbronza in osteria, decisero di fondare un nuovo partito secessionista e razzista che battezzarono Lega Nord.

E già qui avviene il primo sconvolgimento ormonale che ripudia l'idea socialdemocratica per avventurarsi nella palude del secessionismo de noantri: quello dei valdostani, dei crucchi bolzanini e dei sardi, quelli da osteria come loro.

Un colpo di culo li fa incontrare con un ineffabile nanetto malandrino, lesto di mano e di pisello, che sfruttando i suoi appoggi masson-mafiosi, li imbarca in una avventura che li porterà al governo dello sfascio.

Gran goduria in questo periodo, con ministeri a Roma ma anche a Monza, con avventure finanziarie in Tanzania e commercio di lauree in Albania.

Il nanetto però inciampa nella sua incapacità di governo e nella sua pompetta testicolare e a loro tocca di  mostrare il loro culetto maleodorante di diamanti trafugati, di soldi altrettanto trafugati e quant'altro la cronaca giudiziaria ha nei tempi documentato.

Adesso il secondo acrobatico passaggio che contempla il ritorno di fiamma verso il comunismo (viaggi in Corea del Nord e a Mosca), ma anche l'equivoco virile abbraccio con Casa Pound, dove si balla al ritmo di "Giovinezza" e di "Faccetta nera".

Io propongo di dichiarare gli ultimi elettori legaioli una razza protetta per evitarne il massacro da parte dei loro scalmanati leaders.




lunedì 2 marzo 2015

Un altro breve tragitto per matteo akbar

L'isis verde, ex lega nord, ha ieri mostrato tutta la sua potenza di fuoco e peti in piazza del Popolo e l'audace marine le pen c'ha preso gusto.

Inquietante la sua domanda ad un pizzardone di Roma: "quanto è distante piazza del Popolo da Piazza san Pietro?".

C'è aria di un Califfato Vaticano dopo l'ormai scontato Califfato d'Italia isole comprese?.



domenica 1 marzo 2015

Roma vaccinata, se ne fotte di barbari e pirati

Ieri la lega nord tramite il suo stupido semisegretario ha mostrato tutta la sua inconsistenza politica ed intellettuale

Ha lavorato di vaffanculo (occhio che l'esoso grillo esige il copyright), di insolenze, di buffonate e di patetiche quanto inverosimili promesse: basta pensare che anche la meloni, confronto a lui, è sembrata quasi una statista di condominio di La Sgurgola.

Almeno il truce beppegrillo in casaleggio si è limitato a portare a Roma una esaltata adolescente in visita al Quirinale.  Perché non ha approfittato di una delle tante visite scolastiche? Bisogna incominciare a dubitare anche del grassone dei caruggi? Speriamo di no.