Cerca nel blog

lunedì 29 giugno 2015

Silvio e la gatta sul tetto che scotta

Se una gatta come la Parietti dice  “La menopausa ha portato solo vantaggi”,  non fargli il verso, guarda cosa potrebbe succederti.

Tanto per ricordarti che le gatte sul tetto che scotta sono quasi sempre nervose, tipo la Veronica, ricordi?


Baruffe Nazarene

Qualche animata discussione nel PD, della serie "'l'amore non é bello se non é litigarello".

Vabbè, finché c'é la salute...



sabato 27 giugno 2015

Veronica quanto mi costi! (riflessioni di un pyrloon, ex tycoon)

Anche un mago dell'offshore e del 'qui lo dico, qui lo nego' può sbagliare i suoi calcoli,


Belèn e Silvio, due vite parallele?

Una folata di freddo vento argentino ha scosso questi primi giorni d'estate: la bella patonza Belèn sta cancellando un tatoo ricordo di un suo ex,

La cosa ha fatto rabbrividire i suoi fans, ma ha avuto un diverso effetto sull'inossidabile nanetto pompassistito che ha pensato: "beh, se questa é la moda, perché no?" e si é affrettato a cancellare una lunga lista di tatoo che si era fatto disegnare in ricordo della ex Ilda Bocassini.

Silvio é una persona molto attenta ai trend, un po' meno al codice penale.





mercoledì 24 giugno 2015

Cesano Boscone? Perdonami Regina Coeli, é stata una sbandata: sei tu il mio unico grande amore! Tuo silvio.

Quei sei mesi trascorsi a Cesano Boscone a pacciugare fra padelle e pappagalli degli anziani degenti hanno lasciato una ferita indelebile nel pur arcigno carattere del nanetto pompettato.

Ora che si prospetta un possibile bis, vista la richiesta della Procura di Napoli di 5 anni di galera per la compravendita di senatori, quella ferita insanabile lo ha indotto ad una scelta drastica: niente più servizi sociali ma una sana detenzione con tanti amici che lo aspettano a braccia aperte in quel di Regina Coeli.





"Basta vignettare il povero salvini" mi sono detto...

...ma lui provoca!

Da questo momento, comunque, mi impegno a non leggere o ascoltare alcunché su di lui.

Sarà un'impresa possibile?  Il Tempo lo dirà.

Ieri purtroppo ho avuto la disgraziata opportunità di leggere queste tre sue dichiarazioni, potevo esimermi?





lunedì 22 giugno 2015

Silvio ed il salvini si incontrano per discutere sul 'contenitore' del centrodestra.

E' stato un incontro interlocutorio, non decisivo... forse.



E' morto al Pirlùn, viva al Ruspùn... peccato che siano la stessa persona.

Inesorabile come equitalia, il mentecatto milanese affetto da legaiolite cancerosa ha deciso di festeggiare l'ultima sua trovata, quella di associare i Rom agli esodati e di coinvolgere nella sua irreversibile paranoia anche il combattivo Papa Francesco.

Come simbolo di questa sua genialata ha scelto la più "sensibile" delle macchine, la rovinosa ruspa che tutto abbatte senza discernimento alcuno.

Come lui.


domenica 21 giugno 2015

Family day: notata l'assenza di silvio

Non si capisce se per qualche acciacco, qualche problema nella gestione delle ex olgettine o se per un inaspettato rigurgito di pudore, ma il berluska quest'anno non ha sfilato in testa al corteo del family day, però sembra che nessuno se ne sia disperato più di tanto.

Quello che più ha colpito l'immaginario collettivo é stato uno striscione che attribuiva alla comunità scientifica la negazione di quanto chiunque può notare nella natura nel genere umano, cioé le combinazioni esistenti tra l'ermafrodita e la donna femmina e l'uomo maschio, per non parlare delle tante tendenze sessuali, dalla coprofilia alla necrofilia e via elencando.

Anche alcuni politici sno rimasti perplessi.


sabato 20 giugno 2015

Mi sforzo, credetemi, per pensarlo come a un uomo politico, ma...

...non riesco a togliermi dalla mente l'immagine di un bauscia furbo con l'eloquio di un camionista romano.

Spero, per tutti noi, di sbagliare sul significato attribuito alle sue parole apparse sui giornali di oggi.





giovedì 18 giugno 2015

Salvini l'ungherese

Lo scatenato salvini deve aver letto questo articolo de 'il Foglio' I muri nel mondo, peccato però che il forsennato aspirante leader del centro destra lo abbia prima messo a distillare insieme alle vinacce della sua grappa preferita e che quindi la sua lettura abbia contribuito pesantemenete al suo stato di intossicazione alcolica.

Ne é derivata questa originale convinzione: costruzione di 8 mila km di muro lungo tutte le coste italiane=faraonico crollo della disoccupazione e azzeramento dell'immigrazione clandestina.

Con ancora un tasso alcolemico  da fare invidia ad un camionista olandese, si é recato immediatamente in via Bellerio per redigere il programma per il prossimo governo che lui prevede di presiedere..

Sta aumentando l'interesse degli italiani per i posti di lavoro abbandonati dai migranti nei loro Paesi: sempre meglio che un salvini a Palazzo.



mercoledì 17 giugno 2015

Cattivi maestri e pessimi allievi

Da bambini si imparano prima e più facilmente le cose "proibite" che quelle "permesse" ma é una fase di preparazione alla vita, il problema é quando questa attitudine rimane incancrenita fino all'età adulta.

Un esmpio?  Eccolo qui.




Tristezza post coitum

Tutti la conosciamo, é quello strano senso di scostante insoddisfazione che ci coglie subito dopo l'orgasmo, parlo per noi maschietti... le femminucce no, sembra.

Anche le ultime elezioni comunali parziali hanno portato ad un insipido orgasmo da sveltina simultaneamente tre noti spensierati saltimbanchi della politica.

E' stato un momento di avvinazzata euforia cinicamente e rapidamente rimpiazzata dal tragico risveglio che li ha riportati esattamente là dove erano prima delle elezioni.

L'espressione cupa e triste dei tre personaggi la dice lunga sull'immediato futuro che dovranno affrontare.


martedì 16 giugno 2015

Califfato del nord e l'insulsa smania di protagonismo delle mezze cartucce

Hanno vinto su casson a Venezia (tutto il resto é poca cosa) è vero, ma chi ha nominato il meschino casson come candidato?

Le primarie comunali. Complimenti!

Peccato che a pagarne la brutta figura non si facciano avanti quelli lo hanno sponsorizzato ma tocchi ad un indaffaratissimo presidente del Consiglio.

Ci sono certe volpi a sinistra...  mmmmh!





lunedì 15 giugno 2015

Attacco di panico per il disturbato salvini

Renzi che minaccia l'UE di concedere un permesso temporaneo di soggiorno che consentirebbe la libera circolazione nell'UE a tutti i migranti non profughi, di rivedere il trattato di Dublino (quello che obbliga il Paese che accoglie i profughi a tenerseli, e zitti e bboni) di vietare l'attracco alle navi straniere che raccolgono naufraghi obbligandoli a portarseli a casa propria... una raffica di provvedimenti che fanno impallidire le sue asmatiche ruspette per i campi rom e i vaffanculo per i migranti che hanno fatto la fortuna elettorale del caveman milanese, almeno fino ad oggi.

Perché non ci meravigliamo della sua improvvisa manifestazione di ansia?



Renzino monta in gondola...

C'é sofferenza nel PD di questi giorni, sarà per gli scandali che coinvolgono anche alcuni suoi appartenenti, sarà per una minoranza interna sempre più insoddisfatta per la figura del suo segretario politico che é anche PdC (non dimentichiamo che questo PD é figlio di Bersani, uomo convintamente democratico e dialogante), sarà quel che sarà, ma ha dato un segnale di insofferenza.

Benissimo, a condizione che questo fischio non venga ignorato.


domenica 14 giugno 2015

Matteo al Pirlùn, il legaiaolo multitasking

Ha incominciato a pretendere la leadership del centrodestra, ma il dito medio del silviaccio, unica sua cosa in grado ancora di ergersi, lo ha bloccato come un maligno colpo della strega.

Ha continuato pretendendo di sostituire Renzi al govermo, ma l'enormità della sparata ha spaventato anche il suo strafatto neurone sopravvissuto.

Ha poi provato a proporsi come sindaco di Milano avendo appreso che l'attuale titolare, Pisapia, non intendeva ricandidarsi: speranza delusa a stretto giro di posta dal diretto interessato.

Ha quindi esultato alla notizia del rinvio a giudizio di maroni, governatore (ebbene, si) della Lombardia, ma si sa che i tempi della giustizia non corrispondono a quelli di un ansioso e psicolabile pirla nella sua disperata ricerca di sé stesso, invana oltre che disperata. visto che anche la madre ogni volta che lui le si presenta gli chiede "matteo chi?".

Poi il truce grillo genovese gli ha perfidamente sussurrato "oé belìn, guarda che il PD sta commissariando Marino, il sindaco di Roma.

Poteva il segretario demens non fiondarsi a Roma per proporsi a futuro sindaco della città eterna?

Giammai, e lo ha fatto alla sua maniera.


venerdì 12 giugno 2015

Notti magiche, a Roma.

Grande Roma! Mai che ti rifiuti di regalarci emozionanti squarci di vita spericolata vissuta correndo con forsennata consuetudine sul filo di seta che collega il Palazzo al Manicomio, con terminal a Regina Coeli.

Ora é il momento di Marino e Gabrielli, ultimi attori tragici di quella perfida farsa che é la politica dei tuoi quartierini e borgate.

Due persone perbene costrette a camminare a piedi nudi in una cloaca a cielo aperto.

Ma il cielo é sempre più blu... si cantava anni fa'.


giovedì 11 giugno 2015

La De Girolamo con la lega di Salvini? Na... nun c'a fà. Ma anche si.

La devota pidiellina che, come una studentessina, mandava dai banchi del Parlamento languidi messaggi a silviettto er bullo de Montecitorio, ha dimenticato tutta la poesia del primo amore per concedersi alla rozza attenzione del bufalo patano di via Bellerio?

Che strane cose succedono lassù, nell'olimpo degli indagati e delle olgettine.


mercoledì 10 giugno 2015

Fanfaronesco bailamme che vorrebbe spaventare

Si assiste da tempo, ma soprattutto in occasione di queste settimane di marginali elezioni regionali e di giusta e doverosa attività giudiziaria, ad una esplosione di inviti alle dimissioni, di accuse di incapacità e di minacce tipo "se vinciamo nel Comune di Noragugume il governo deve saltare".

L'unica cosa che sembra essere saltata é però la capacità politica di prendere atto che il centrodestra é purtroppo allo sfascio e che nel suo territorio elettorale spadroneggiano bande di avventurieri armati di lingua lunga ma sprovvisti di decenza.

Guardate il capo storico di quelle bande che cosa sta rimpiangendo: per lui il futuro é il 1922.

Adesso comprendiamo a fondo perché si premurò cosi tanto di cancellare dalla Costituzione il divieto di ingresso in Italia dei membri maschi della famiglia savoia e ancor di più compendiamo perché da quei soggetti non possiamo aspettarci un, necessario per l'Italia, moderno liberismo


martedì 9 giugno 2015

"impedire democraticamente e fisicamente che siano ospitati a spese nostre"

Questo ha detto stamattina a 'la zanzara' il noto iman al pirlùn, quello che gironzola per l'Italia per la raccolta di pomodori e uova marce, ma c'è già qualche crepa fra i suoi seguaci duri e puri.

Ecco il documento.


lunedì 8 giugno 2015

Espansionismo legaiolo.

Come tutti i movimenti politici di matrice fascista, anche la leganord ha le sue brave ambizioni di andare a rompere la mentula in qualche altro Paese che ritiene più debole del suo e, guarda caso, ha scelto Paesi africani pieni di belle donne ma anche di nerboruti mandinghi.

Il primo tentativo di esportare clandestinamente alcuni disoccupati bergamaschi sull'altra sponda usando la stessa rotta dei migranti provenienti dalla Libia lo ha fatto un certo ciocca, legaiolo doc:

Disoccupati-bergamaschi-da-esportazione

Che il terragnolo ciocca fosse più avvezzo al tom tom che alle carte nautiche lo si può notare da questo suo melanconico tweet inviato durante la navigazione

"Angelo Ciocca @AngeloCiocca
Tempo brutto
Mare 18 nodi
Temo che tra un po' pioverà...
16:49 - 23 Maggio 2014

dove appare quel misterioso 'mare 18 nodi' che letteralmente ci informava che il mare stava correndo di sua iniziativa a più di 30 km/h.

Ora, chiunque abbia messo piede su un pedalò sa che il nodo é l'unità di misura usato in marina per indicare la velocità oraria in miglia marine del vento, delle correnti marine e dell'imbarcazione, ma del mare no, ché lui da sempre se ne sta immobile mentre sono i continenti che passeggiano alla velocità di centimetri e centimetri all'anno.

Che il mare gli scorresse veloce sotto il suo gommone saldamente ancorato al porto di Lampedusa é una di quelle tante salvinate che quotidianamente ci martellano i neuroni.

Però più preoccupante é questa iniziativa da conquistadores della val Brembana al motto di: "no al satanico Kebab, si alla virginea Cassoeula" documentata dall'immagine sottostante.




Quando idiozia e pazzia emettono il loro fascino

Si, anche queste due tare psichiche occasionalmente attraggono la gente, più per chissà quali misteriosi traffici ormonali che per lucide considerazioni intellettuali: basta ricordare l'adolf del III reich per la pazzia e il disastrato toti delle elezioni in Liguria per la sua inutile pochezza al potere.

E' stato scoperto un caso ancor più devastante però, parliamo di luca zaia, orrido essere vivente eletto con più del 50% nel Veneto, terra di Dogi, di artisti, di grandi lavoratori, ma anche di qualche boccalone.

Bene, questo supervotato legaiolo sta allegramente zompettando tra un reparto e l'altro della clinica psichiatrica open di via Torino 105 a Venezia.

Barconi colmi di migranti veneti stanno partendo nottetempo per ignota destinazione.

urla la bora nera


domenica 7 giugno 2015

Tristi idiozie di chi da noi riceve tanti, troppi soldi.

L'ultima stronzata del magico tridente legaiolo non riesce neanche a far ridere da quanto é stupida.


Ecumenismo: che fatica essere Francesco!

La millenaria stratificazione delle volute incomprensioni fra le religioni sembra essere insuperabile anche per il grande Papa Francesco.

Ma lui tiene accesa la speranza, parola di laico.



sabato 6 giugno 2015

Nun so' cattivi, c'hanno i neuroni scordarelli, guarda alemanno!

Da il Fatto Quotidiano:

12 dic 2014 - ... Rebibbia 1982: Carminati, Buzzi e Alemanno dividevano la galera ... Rebibbia, che Gianni il “camerata” incontra Salvatore Buzzi, 26 anni e ...

Eppure lo scordarello gianni lo spalatore di neve romana afferma:

Da Il Messaggero di oggi

 "Bisogna finirla con questa balla della 'Ndrahgheta che, attraverso la mediazione di Buzzi, mi avrebbe fatto convergere voti in Calabria alle elezioni Europee del 2014. Quando io mi rivolgevo al capo della cooperativa 29 giugno per chiedere un aiuto elettorale alle europee del 2014 lo facevo pensando di parlare a uno dei principali esponenti della Lega delle cooperative e della cooperazione sociale in Italia, come si fa in ogni campagna elettorale".







venerdì 5 giugno 2015

Fondazione di Mafia Caput Mundi

Correvano gli allegri anni dell'effervescente duo alemanno & polverini quando misteriosamente scomparve la ormai spelacchiata e anziana lupa che allevò Romolo e Remo e fece capolino una sinuosa giovenca dalle prorompenti tette.

Il cambio di alimentazione della dirigenza capitolina si notò immediatamente e ne notiamo ora anche le conseguenze


Colosseo Padùlo... dove é diretto?

Si sa che gli uccelli padùli hanno sconvenienti abitudini che vengono sempre contestate dai destinatari delle loro attenzioni, ma esistono, e sembra che abbiano una qualche missione da compiere.

Uno stormo di questi uccellacci stanno volteggiando nel cielo di Roma compiendo continue picchiate salutate da esterefatte esclamazioni tipo: "caz.. vaffan... mink...figl...ana, e moh?..." frasi mozze pronunciate sottovoce che indicano pensieri tipo: "chi é stato il giuda? il conto corrente sarà al sicuro? mo' Jessica m'a trombano i altri...".

Sarà tecnicamente mafia, dal punto di vista giuridico, quello che sta venendo alla luce a Roma, ma non riesce ad avere la tragica dignità di quella siciliana, ad esempio, e continua a sembrare una accozzaglia di ladroni e politicanti corrotti di borgata che viaggiano in Ferrari.




giovedì 4 giugno 2015

Maroni in love

E ci risiamo con la gnocca abusiva.

Maldestri politici e pietosi amanti, questi seguaci e soci del nanetto bionico non riescono a coniugare decentemente la vita privata con quella pubblica, a tutto discapito del decoro istituzionale.

Adesso é il caso del tamarro musicante antropofago, nonché ex ministro ed attuale governatore della ricca ma disperata Lombardia: Robertaccio Maroni.

Neanche una precedente condanna a 8 mesi, ridotti poi a 4, per aver tentato di sbranare il polpaccio di un poliziotto, lo ha indotto a starsene lontano da ulteriori guai giudiziari.

E dove sembra essere caduto il pirla?  Ma sulla gnocca, of course!

In disparte, il sordido Al Pirlùn in arte salvini si sfrega levantinamente le mani: 'altro che sindaco di  Milano, governatore della Lombardia sarà il mio prossimo successo', sogna sghignazzando.




mercoledì 3 giugno 2015

Chissà cosa si aspettava il triste Salvini...

Nonostante il parziale successo numerico della lega, anche un neurone semplicemente non ubriaco capirebbe che tra i due Matteo non c'é possibilità di confronto: assiderale la differenza di capacità politica che, una volta approvato lo 'ius soli', diventerà elettoralmente incolmabile per l'ignobile razzista.

E allora?

Presto fatto: si accantonano velleitarie sfide e ce se la prende con il mite Pisapia, attuale sindaco di Milano, città he ne ha viste di tutti i colori e che quindi sarebbe in grado di sopportare anche questa calamità.

Eccovelo qui, il pirlùn, mentre dichiara la sua intenzione.



martedì 2 giugno 2015

La dolce Rosy Bindi e l'effetto boomerang

Ma guardate cosa sta succedendo alla meticolosa Rosy, rea soltanto di avere svolto un antipatico incarico.

Ci avrà anche messo del suo, però?

Lo sapremo prima o poi, ma per adesso un cordiale "tieni duro!" se lo merita.




Diceva Mark Twain...

"E' più facile ingannare la gente piuttosto che convincerla di essere stata ingannata".

Questa cosa devono averla letta anche salvini e grillo... e ci càmpano sopra alla grande.


lunedì 1 giugno 2015

Bersani: elezioni archiviate, adesso pensiamo un po' anche al PD

Come sempre il saggio Bersani non perde la bussola e inquadra due problemini da risolvere all'interno del PD, importanti per proseguire la strada ed il ritmo delle riforme.-

Verrà ascoltato?

Perché no?


ll cane di Mustafà

Lo conoscete tutti quel volgare aneddoto sullo sfigato cagnolino di Mustafà (per chi se lo fosse dimenticato: "come er cane de Mustafà, che lo pijava in qlo e diceva de scopà") ed é quello che per primo mi é venuto in mente ascoltando i risultati delle elezioni regionali.

Il povero silviaccio continua a non farmi pena per alcun motivo, neanche per la uveite o per i duomi di Milano in polistirolo che atterrano sul suo cranio, ma penso alla disperazione che proverebbe un qualsiasi essere mortale (ma il nano lo é?) nelle sue condizioni.

Ha spadroneggiato sulla politica italiana per 20 anni  con le sue scorribande governative in cui ha fatto di tutto e peggio di tutto ed ora si trova a pietire, e ne va della sua sopravvivenza politica, la presidenza dell'altrettanto sfigata Liguria precipitata politicamente nel Casino Primordiale.

Se l'é voluta ed é giusto che sia così.